Capita spesso che si presentino in studio nuovi pazienti con apparecchi protesici assurdi: Kg di resina, ganci di metallo, denti che molleggiano… una signora aveva addirittura soprannominato affettuosamente la propria dentiera  “il mio pesciolino rosso”.

Due settimane fa è venuto in urgenza un distinto ottantenne a cui il precedente dentista aveva pensato di fare ben tre apparecchi: uno per la parte superiore destra, uno superiore sinistra ed uno inferiore….. mitico!!!

Capita sovente che mi senta dire dai suddetti pazienti la frase che ormai è un classico “non potevo fare gli impianti perchè non ho abbastanza osso”. Brivido.

Quella del non c’è abbastanza osso, ebbene si, è una LEGGENDA! ti spiego in che senso:

Oggi che siamo nel 2019 tanti bravi e studiosi dentisti hanno verificato che spesso NON SERVE tanto osso, ma si riescono a sfruttare impianti più piccoli ottenendo risultati strabilianti! faccio un esempio su tutti, se vuoi buttare via la tua dentiera per sostituirla con dei bei denti fissi e bianchi è molto molto molto raro non riuscire a posizionare quattro impiantini e chiudere la pratica con successo!

Ma non finisce qui, perchè anche nei casi più estremi in cui osso proprio non ce n’è…. ecco in quei casi si può sfruttare una qualità del mio caro amico osso, e cioè che è VIVO! l’osso è un tessuto che può riformarsi…. pensaci bene, cosa succede quando ti rompi un braccio? succede che le due parti rotte si uniscono perchè si riforma osso. Non è una gran scoperta, in effetti questo si sa da tempo… la cosa bella è che, se siamo bravi chirurghi, adesso riusciamo a sfruttare questa vitalità a nostro vantaggio! esistono tecniche (tante) per aumentare il volume dell’osso in cui andare ad inserire impianti! Sono decenni che queste tecniche migliorano in termini di materiali usati, tempi operatori e costi.

Adesso che vi ho aggiornati, la volta che vi sentirete dire la classica frase “non c’è abbastanza osso per fare impianti” saprete come rispondere!!!

Riccardo Franci

P.S.  Mi ero scordato un altra importante arma nelle mani del dentista moderno… cioè l’implantologia computer assistita. Prometto che dedicherò un articolo a questo argomento!